L'azienda che vuole finanziare un progetto di crescita o comunque un investimento può oggi scegliere di finanziarsi tramite questo nuovo strumento denominato Minibond

Gli imprenditori che vogliono avvalersi di questo mezzo di finanziamento devono anzitutto predisporre un piano economico e finanziario che consenta prima di tutto a loro di rendersi conto della effettiva capacità dell'investimento che stanno pensando di consentire il piano di rimborso dei bond che verranno emessi sia in termini di costo che di piano di rimborso dei bond stessi.

Sulla base di questo piano economico finanziario dovrà essere predisposto un prospetto informativo che dovrà essere messo a disposizione dei potenziali investitori e nel quale viene rappresentata la storia dell'azienda, il posizionamento di mercato, le caratteristiche del management della azienda, l'andamento economico finanziario storico e prospettico con una analisi del progetto di investimento che si intende finanziare tramite la emissione dei minibond ed il relativo piano di rimborsi con la remunerazione offerta agli investitori.

La società dovrà inoltre assicurarsi di ottenere la revisione del bilancio e la emissione di un rating. 

La società ricerca quindi uno sponsor che la assisterà nella fase di emissione e collocamento, assumendo inoltre impegni volti ad assicurare la liquidabilità dei titoli fino a scadenza mantenendo una quota minima di titoli nel proprio portafoglio definita in base a dei livelli minimi predefiniti.

Lo sponsor è inoltre tenuto ad effettuare una valutazione almeno semestrale del valore titolo, classificando l’emittente secondo un sistema di rating interno. L’aggiornamento del rating creditizio va effettuata almeno semestrale ed ogniqualvolta intervengano elementi straordinari che possano modificare il giudizio.

Torna a Minibond